dima
  • Lampedusa

    Ho realizzato questo reportage sui resti delle imbarcazioni dei migranti a Lampedusa nel 2009, cercando non semplicemente di documentare la realtà di un luogo, ma di trasmettere attraverso la scelta delle inquadrature e della luce, emozioni e storie che ogni singolo pezzo di oggetto poteva suggerire.
    Mi sono soffermata sui dettagli ,come una barca su un’onda, composta da frammenti di legno e di vetro, su resti di imbarcazioni bruciate come fossero maschere, e su foto dettagliate in cui sono in evidenza oggetti di vita quotidiana legati alla sfera privata di ogni singolo migrante.

    “La cultura non si dovrebbe definire tanto in base alle radici quanto come prodotto di relazioni, lo si consideri elemento di debolezza o di ricchezza, l’Altro non si trova più solo fuori dai confini dell’Occidente, ma sempre più al suo interno.” (Fatou Diome)

    Questo reportage è stato esposto al Parlamento Europeo a Bruxelles nel novembre 2011